Quell’incontro nell’aldilà di Giorgiana Masi e Cossiga

bdr

Chissà cosa si sono detti al colloquio San Pietro e il defunto senatore a vita Francesco Cossiga, ex Ministro degli interni, ex premier ed ex Presidente della Repubblica. Forse, nel momento di attesa del verdetto divino e, nel frattempo, ha cercato di informarsi su dove siano i tanti cittadini italiani prematuramente e violentemente scomparsi quando rivestiva alte cariche dello stato. E’ probabile che Aldo Moro sia la prima persona con la quale il Presidente emerito avrà voluto parlare per spiegargli le ragioni di quella linea della fermezza assunta dal governo nel lontano 1978. In un’intervista radiofonica di alcuni anni fa Cossiga aveva infatti dichiarato:  “…La gente si é meravigliata del fatto che io mi sia dimesso. Io ho concorso ad uccidere Moro. Cioé, da un punto di vista fenomenologico, io sono uno di quelli che ha ucciso Moro. Mi svegliavo al mattino dicendo ‘io ho ucciso Moro”. E, in una successiva intervista: “Se ho i capelli bianchi e le macchie sulla pelle è per questo. Perché mentre lasciavamo uccidere Moro, me ne rendevo conto”.

IMG-20180511-WA0020Dopo l’incontro celeste con Aldo Moro, Cossiga potrebbe aver incrociato le 81 persone che viaggiavano su quell’aereo abbattuto nel cielo di Ustica e illuminarle sulle dinamiche della loro morte violenta. Probabilmente le vittime della strage del Dc9 saranno curiose di sapere se vi siano effettivamente responsabilità della Francia e approfondire quanto l’ex presidente del Consiglio ha dichiarato in un’intervista del 2007 e nell’ambito del film inchiesta “Sopra e sotto il tavolo”. Ma tra i corridoi celesti sarà stato facile incontrare anche le 85 persone morte alla stazione di Bologna il 2 agosto 1980, e quelle morte successivamente alle mutilazioni. L’ex premier Cossiga avrà potuto finalmente sentirsi completamente libero di spiegare alle anime della stazione tutto quello che sa su retroscena, su terrorismo nero o mediorientale, e sui  depistaggi messi in atto da uomini dello stato per impedire l’accertamento della verità su autori e mandanti.

bty
bty

Nella nostra immaginazione, l’incontro più toccante Cossiga lo avrà fatto con Giorgiana Masi, la studentessa di 19 anni del liceo scientifico Pasteur uccisa il 12 maggio 1977 a Ponte Garibaldi da un proiettile sparato durante una manifestazione. Una manifestazione dove, secondo elementi emersi da successive videoinchieste promosse dal partito radicale, agenti di polizia erano travestiti da manifestanti e armati di pistola.

Tanti troppi misteri… a partire da Gladio. Molti personaggi nella storia hanno portato via con sè le chiavi di interpretazione di eventi oscuri che l’intera comunità avrebbe avuto diritto di conoscere per esserne stata tragicamente coinvolta.

Ma saranno forse le future generazioni a decifrare i misfatti delle vecchie generazioni. Speriamo che una lettura obiettiva e oggettiva del passato possa illuminare la strada di chi prende in eredità e in carico un paese ridotto ai minimi termini.

About Domenico Ciardulli 207 Articles
Blogger autodidatta, Educatore Professionale con Laurea Magistrale in Management del Servizio Sociale a Indirizzo Formativo Europeo; Master in Tutela Internazionale dei Diritti Umani. Profilo corrente: Ata nella Scuola Pubblica. Inserito nelle Graduatorie d'Istituto 3a fascia per l'insegnamento di "Filosofia e Scienze Umane"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*