Scuola e domande mobilità: docenti dal 13 aprile, Ata dal 4 maggio

Ieri, martedì 11 aprile 2017, l’incontro tra Miur e Sindacati è iniziato con ritardo a causa del Consiglio dei Ministri convocato per le ore 16.30, e conseguente assenza della  Ministra dell’Istruzione.

fedeli2
La ministra durante un incontro con la Regione Umbria

Dopo qualche ora l’incontro si è tenuto ed è stato firmato il contratto sulla mobilità congiuntamente al passaggio da ambito a scuola.
Con questo accordo si limita ogni discrezionalità del Dirigente Scolastico che dovrà attenersi alla delibera del collegio docenti. Limitato al minimo il numero dei requisiti. Cercheremo nelle prossime ore di pubblicare una scheda di approfondimento messa a disposizione da organizzazioni sindacali.

Le domande docenti dal 13 aprile al 6 maggio.
Le domande ATA dal 4 maggio al 24 maggio.

Per la UIL Scuola erano presenti Turi, Proietti e D’Aprile.

Da orizzontescuola leggiamo che sono “diverse le novità e le deroghe alla legge n. 107/2015 presenti nel Contratto. In sintesi:
– deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di titolarità e nella scuola in cui si è ricevuto l’incarico triennale, per cui tutti i docenti, compresi i neo assunti (assunti cioè il 01/09/2016), potranno presentare domanda di mobilità sia provinciale che interprovinciale;
– domanda unica sia per il trasferimento provinciale che interprovinciale (restano distinte le domande per i passaggi di cattedra/ruolo, tante domande quanti sono i passaggi richiesti);
– scomparsa fase comunale, per cui la mobilità prevederà solo la fase provinciale e interprovinciale;
– non esprimibilità di comuni e distretti;
– richiesta, tra le preferenze, non solo di ambiti territoriali ma anche di scuole: 5 scuole al massimo e 10 ambiti;
– impossibilità, per i docenti titolari di ambito con incarico triennale, di esprimere l’ambito di titolarità e la scuola in cui si ha l’incarico triennale;
– titolarità su scuola per chi ottiene il trasferimento in una delle istituzioni scolastiche espresse nel modulo-domanda;
– equiparazione, nelle sole domande di mobilità, del servizio pre-ruolo o svolto in altro ruolo al servizio nel ruolo di appartenenza;
– organico unico per gli istituti comprensivi comprendenti più plessi anche di comuni diversi e per gli istituti di istruzione superiore con più indirizzi e sedi (ciò vuol dire che nella domanda si potrà indicare non più il codice dei plessi o indirizzi ma il codice della sede di organico; sarà poi il dirigente scolastico ad assegnare i docenti ai plessi in base ai criteri stabiliti dalla contrattazione d’Istituto);
– le aliquote destinate alle mobilità territoriale interprovinciale, a quella professionale e alle immissioni in ruolo: ai trasferimenti interprovinciali andrà il 30% dei posti disponibili dopo i trasferimenti provinciali; ai passaggi di cattedra e di ruolo il 10%; alle immissioni in ruolo il 60% dei posti liberi dopo i trasferimenti provinciali.”

Leggi precedente articolo sull’argomento

Altri documenti utili:

Circolare Miur del 7/02/2017

Ipotesi di Contratto (dal sito Istruzione)

About Domenico Ciardulli 158 Articles
Blogger autodidatta, laureato in Management del Servizio Sociale a indirizzo Formativo Europeo presso Università degli Studi di Roma Tre, Master in Tutela Internazionale dei Diritti Umani presso Università degli Studi "La Sapienza". Profilo corrente: Ata. Nelle graduatorie d'istituto: educatore professionale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*