CASALOTTI E PRIMAVALLE: PROVE DI CITTADINANZA ATTIVA?

Il titolo lascerebbe pensare ottimisticamente che nel nostro territorio siano sbocciati germogli di consapevolezza civica e di partecipazione. Invece quello che appare in evidenza sul corriere della sera di oggi 18 gennaio 2010 rappresenta una doccia ghiacciata su ogni aspettativa di evoluzione delle coscienze.

Praticamente due gruppi associati di cittadini di due territori confinanti si stanno facendo la guerra per contendersi l'utilizzo esclusivo di un campo di calcio che si trova a via Cardinal Capranica.

I due gruppi sono l'associazione giovanile sportiva Tanas Casalotti e Sporting Tanas Primavalle. Entrambe convinte di avere diritto di giocare e di allenarsi nel campo "Sbardella". I fatti sono che da anni la struttura sportiva di via Cardinal Capranica Ŕ affidata alla Tanas Casalotti. Una piccola societÓ in cui si sono avvicendati diversi presidenti che, autotassandosi, hanno permesso a tanti ragazzi di giocare a calcio. Le cose si complicano quando tra l'attuale e l'ex presidente il contenzioso finisce nelle aule di tribunale: ciascuno rivendica il diritto di utilizzare il campo e ,soprattutto, di negarlo alla societÓ concorrente. Molto prima di Natale, quando i ragazzi della tanas stanno per entrare per allenarsi, scoprono che la struttura Ŕ stata occupata dallo sporting Primavalle. un'occupazione che costringe il Tanas a cercarsi un altro campo a pagamento per settimane, fino a quando i giovani del Tanas non decidono di occuparlo a loro volta e di "cacciare" i 170 iscritti dello Sporting Primavalle. Adesso sono questi ultimi a non sapere dove andare e il presidente Milioni non sa ancora quale pesci pigliare visto che la sua competenza Ŕ molto limitata.

 

 

 

 

 

 

 

Hit Counter