TRASPORTATORE TRAVOLTO E TRASCINATO PER 90 KM SULLA A1

Quattro cinque righe sui giornali in angoletti marginali, quasi invisibili, hanno dato notizia di una orrenda anonima morte sull'autostrada A1 all'altezza di Colleferro. Martedý scorso, un autotrasportatore di vini di nazionalitÓ albanese era sceso in corsia di emergenza dal suo furgone per verificare l'entitÓ di un guasto alla vettura quando un tir carico di frutta lo ha travolto assieme al furgone, evidentemente anch'esso invisibile. Il corpo dell'operaio Ŕ finito sulla carreggiata dove un altro tir a due piani, che trasportava automobili, lo ha nuovamente travolto e trascinato per 90 km spargendo per il lungo tragitto autostradale brandelli di carne di ossa e di vestiti. Un lavoratore immigrato ucciso in maniera orrenda, tolto ai suoi cari, senza che nessun  giornale o tv ritenesse opportuno di dare uno spazio dignitoso e umano a questo tragico evento.

Mi auguro che, attraverso la rete,si possa ridare la giusta visibilitÓ a questa ennesima vittima della strada e del lavoro perchŔ tutti, in questa ricorrenza che riunisce tante famiglie, si stringano idealmente e affettivamente alla famiglia di questo lavoratore fatto a pezzi per 90 km sull'autostrada A1. All'operaio albanese e all'altro operaio tunisino di 35 anni, schiacciato e ucciso ieri dal crollo di un solaio mentre lavorava presso l'universitÓ La Sapienza, vada il nostro grande abbraccio solidale e luminoso che possa stringere forte e trasmettere forza e calore a tutti gli invisibili della terra. 

Domenico Ciardulli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hit Counter