SUCCEDE IN ITALIA

I LAVORATORI STRANIERI SONO GALLINE DALLE UOVA D'ORO NEL SETTORE EDILE

IN UN ANNO DI ISPEZIONI (2006-2007) SCOPERTI 90 MILA LAVORATORI STRANIERI IRREGOLARI

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Terzo Rapporto OL - Cresme.  Il 43% dei lavoratori edili sono stranieri.

E' stato presentato oggi a Roma il 3° Rapporto sul mercato del lavoro nel settore delle costruzioni realizzato da Obiettivo Lavoro e Cresme.

Dopo un anno di calo dell’occupazione nel settore dell’edilizia, i primi sei mesi del 2007 hanno fatto registrare una crescita tendenziale del 2,1%. Il dato positivo è da imputare soprattutto ad un progressivo processo di emersione di lavoratori già occupati.

Nei primi cinque mesi del 2007, infatti cresce in modo significativo l’apporto degli extracomunitari che rappresentano il 22,8% delle assunzioni.

L’aumento della presenza dei lavoratori stranieri è tanto più evidente se si confrontano i dati del periodo 2001-2007. Se nel 2001 i cittadini extracomunitari rappresentavano il 10,2% delle assunzioni, esse passano, nel 2006 al 18,1%. Il salto maggiore si colloca tra il 2001 e il 2002 con 4,6 punti percentuali di scarto (da 10,2% a 14,8%). Negli anni successivi l’incidenza sul totale delle assunzioni aumenta fino al 17,3% del 2004 e su tale valore si stabilizza anche nel 2005. Il 2006 evidenzia una nuova crescita del contributo occupazionale (18,1% delle assunzioni).

Uno dei dati più significativi dell’ultimo anno è l’emersione del lavoro nero. L’attivazione di ispezioni nei cantieri tra agosto 2006 e agosto 2007 ha portato, infatti, i primi risultati con la scoperta di oltre 160.000 lavoratori irregolari, di cui quasi 90 mila stranieri. Il dato è la conseguenza di una politica di maggiore attenzione e controllo da parte delle istituzioni nel settore edile.

"Da varie ricerche emerge che le figure professionali del settore delle costruzioni sono quelle di più difficile reperimento sul mercato del lavoro. Dai carpentieri ai ferraioli, fino ai capi cantiere e agli ingegneri addetti alla produzione, le figure edili si trovano con sempre maggiore difficoltà in Italia. "

 

 

http://www.obiettivolavoro.it/ol/specialPage.do;jsessionid=4119A934B235B437B07E87A05136221F?codNewsHome=1182

 

 

 

 

 

 

Hit Counter