MILANO, 26 novembre 2007 - http://www.gazzetta.it/Calcio/SerieA/Primo_Piano/2007/11_Novembre/26/celentano_2611.shtml

Celentano, appello agli ultrÓ: "Via le armi, cambiate il mondo"

Da Adriano Celentano un messaggio speciale agli ultrÓ del calcio. Nel suo attesissimo programma "La situazione di mia sorella non Ŕ buona", andato in diretta su Raiuno, il cantante-conduttore affida la missione di "mettere in atto una vera rivoluzione". Una rivoluzione che, secondo Celentano, "non sarÓ pi¨ quella di andare negli stadi con spranghe e bastoni a colpire la polizia".

Ma "una rivoluzione che nasce proprio dagli ultrÓ", ai quali chiede di "seppellire tutti gli oggetti di violenza che caratterizzano la vostra identitÓ e andare negli stadi a viso scoperto. E - aggiunge - per farvi riconoscere meglio, dovete scrivere sulla vostra maglietta a caratteri cubitali il nuovo significato del vostro simbolo, 'ultra', senza accento, in modo che si sappia che partirÓ da voi l'imput positivo che trasformerÓ in bene tutto ci˛ che Ŕ male. Dovete essere come il fiore di loto, che nasce dal fango ed Ŕ il fiore pi¨ bello". "Se lo farete, costringerete il potere a piegarsi ai vostri ideali, che saranno l'amore, l'arte, la passione per il bello e l'uguaglianza - afferma Celentano - obbligherete i comuni a non scrivere col cemento le brutture delle loro anime, i politici a non commettere atti impuri, Mastella a dire 'ho sbagliato a togliere l'indagine a quel magistrato che stava indagando anche su di me. Lo rimetto al suo posto perchŔ adesso anch'io sono un ultra'. Obbligherete i palazzinari a portare nei comuni la bellezza perduta di una volta e gli uomini di potere a non nascondere la veritÓ".
"Quindi - ha concluso Celentano - ragazzi, che prima andavate negli stadi a colpire la polizia, dovete solo riunirvi e imboccare questa nuova strada. PerchŔ questo gesto potrebbe ribaltare addirittura una nazione. ╚ facile che diventiate una specie di freno per chi vuole commettere qualche tipo di corruzione. Dovete incontrarvi e fare delle magliette con scritto 'ultra' per dimostrare che il nuovo da voi partirÓ".

 

(AGI) - Roma, 26 nov. - I Comuni sono "mandanti di architetti kamikaze", quelli che realizzano i grattacieli, "perche' qualche deficiente identifica il progresso con l'altezza dei grattacieli". E questi architetti "distruggono ogni cosa". Lo ha detto Adriano Celentano nel corso del suo show su Raiuno, toccando il tema dell'ambiente, da lui molto sentito e riproposto frequentemente. (AGI)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hit Counter