31 MARZO 2007 PIAZZA NAVONA GREMITA A SOSTEGNO DI EMERGENCY

Beppe Grillo in collegamento telefonico: "'abbiamo ministri degli esteri che andrebbero mandati a calci in culo in Afghanistan, invece di fare interviste a Vanity Fair'', ''Dovrebbero essere li' - ha urlato - perche' bisogna andare in Afghanistan e dire che il governo italiano vuole Rahmatullah e Nashkbandi entro 24 ore''. Grillo ha chiesto che si dica ''basta alle guerre non volute'' ed ha aggiunto: ''io faccio quello che posso per sostenere Gino Strada, l'unico pacifista''. E ha chiuso il collegamento dicendo: ''contate su di me''.

Iacopo Fo dal palco: "Certe prigioni afghane sono come i campi di sterminio nazisti. Dovremmo chiedere una commissione internazionale che indaghi sui crimini contro l'umanitÓ delle missioni di pace...E' vergognoso che i giornali non parlino di come vengono trattati i soldati italiani, tanti sono tornati dal Kossovo e dallo stesso Afghanistan con gli effetti patologici dell'Uranio impoverito. Non erano protetti come gli altri soldati europei ma nessuno parla di loro.."

Teresa Sarti Strada: "Il team di Emergency in Afghanistan Ŕ in pericolo. Ieri era stata sequestrata una vettura dell'associazione..."

Gino Strada in collegamento telefonico: Chiedo che la richiesta di liberta' immediata di Rahmatullah sia fatta pubblicamente''. E' quanto ha chiesto il fondatore di Emergency, Gino Strada, parlando in collegamento telefonico ai partecipanti alla manifestazione.
Strada ha detto ''non ci fidiamo di quello che si dicono tra loro'' i capi di governo, ''chiedo il rispetto dei fatti tra Karzai e Prodi, la richiesta immediata di scarcerazione del nostro collega deve essere ufficiale da governo a governo''. Strada, che ha parlato tra gli applausi delle centinaia di persone presenti nella piazza, ha ricordato che ''sono undici giorni che chiediamo che vi sia da parte del governo italiano questa richiesta. Ci si dice che si sta facendo il possibile. La liberazione - si e' chiesto - rientra nel possibile o e' esclusa?''. Il leader di Emergency ha aggiunto: ''vogliamo che a pagare non sia un cittadino afgano per le beghe tra i governi. Noi vogliamo tornare a lavorare, noi facciamo un lavoro diverso da quello della politica, siamo in Afghanistan per salvare vite umane e vogliamo tornare a farlo senza interferenza da parte politica, la nostra e' una battaglia di civilta'''.

11 foto da piazza Navona  MICROVIDEOCLIP: (salva e apri con QuickTime pl.)► TeresaStrada  Vauro Vauro2  FurioColombo  BeppeGrillo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hit Counter