Docenti Infanzia: Assunzioni Lazio, Calabria, Abruzzo, Campania, Sicilia

Destinatari delle assunzioni
Partecipano alla procedura di assunzione i docenti inseriti a pieno titolo nelle graduatorie di merito di scuola dell’infanzia del concorso 2012 (Decreto direttoriale n. 82/2012), che non siano già assunti a tempo indeterminato per qualsiasi posto, classe di concorso o grado d’istruzione.

Posti disponibili
Il numero dei posti disponibili per la suddetta procedura di assunzione è pari al 50% dei posti comuni vacanti e disponibili per l’anno scolastico 2016/17; la stessa percentuale di posti vacanti e disponibili, ossia il 50%, è destinata alle assunzioni per il sostegno. Il rimanente 50% di posti, sia comuni che di sostegno, è destinato alle graduatorie ad esaurimento.
Nelle Regioni, in cui le graduatorie di merito di scuola dell’infanzia del concorso 2012 sono esaurite o il numero degli iscritti nelle medesime sia inferiore al 50% dei posti, viene accantonato il 15% percento del totale dei posti vacanti e disponibili per la fase nazionale (di seguito descritta) della procedura di assunzione a.s. 2016/17.

Fasi della procedura di assunzione
La procedura di assunzione si articola in due fasi: a) regionale; b) nazionale.
Nella fase regionale, i docenti inseriti nelle GM saranno assunti sul 50% dei posti vacanti e disponibili nella Regione in cui hanno svolto il concorso. Si applicano in questa fase le riserve di legge.
Alla fase nazionale partecipano i docenti, che non sono stati assunti nella fase regionale, ossia nella Regione in cui hanno svolto il concorso, i quali concorrono, a domanda, in tutte le altre Regioni sul 15% dei posti vacanti e disponibili in ciascuna di esse.
Il fatto che l’applicazione delle riserve di legge sia specificata solo per la fase regionale, lascia intendere che le riserve non saranno applicate nella fase nazionale (Fonte Gilda)

Le ultime notizie prese dai siti degli Uffici Scolastici

ROMA

ScuolainfanziaRoma

CALABRIA INFANZIAinfanzicalabria

ABRUZZO

INFANZIATERAMO

SCUOLA INFANZIA CAMPANIA 

ELENCO CONVOCATI

SCUOLA INFANZIA SICILIA

infanziasicilia

Trattazione della domanda per la fase nazionale
La partecipazione alla fase nazionale, come appena detto, avviene a domanda e solo se non si è assunti nell’ambito della fase regionale, ossia nella Regione in cui si è iscritti in graduatoria di merito. In questo caso, cioè nella fase nazionale, si procede all’assunzione scorrendo tutte le altre regioni, la tipologia di posto (comuni/sostegno) e, solo in subordine, in base al punteggio.
La Regione e la tipologia di posto di assunzione sono, dunque, determinati scorrendo tutte le Regioni secondo l’ordine espresso nella domanda e, in ciascuna Regione, la tipologia di posto secondo la preferenza indicata (comune/sostegno). Il punteggio sembra essere, invece, determinante laddove vi siano più aspiranti nella medesima Regione, come lascerebbe intendere la predisposizione “..e, solo in subordine, in base al punteggio“.

Accettazione, rinuncia e decadenza del diritto di assunzione
L’accettazione dell’assunzione in ruolo avviene tramite il sistema informatico del Miur, ossia il portale Istanze On line, entro 5 giorni dalla comunicazione.
Nel caso in cui il docente non accetti la proposta di assunzione, sarà espunto dalle graduatorie di merito e dalle Graduatorie ad esaurimento.

Soppressione graduatorie di merito 2012
Al termine della procedura sopra descritta, le graduatorie di merito sono soppresse, indipendente dal fatto che ci siano o meno docenti ancora non assunti.
Ricordiamo che le assunzioni dalle GM 2012 sono effettuate solo se non saranno state ancora pubblicate le graduatorie del concorso 2016, quello in corso di svolgimento.
In diverse regioni non saranno certamente pronte, come ad esempio in Sicilia, in cui per l’a.s. 2016/17 sembra si voglia procedere con le immissioni da GM 2012 per esaurirle (ne abbiamo parlato in “Concorso scuola docenti: risultati prova scritta primaria e infanzia in Sicilia probabilmente a settembre, così sfumano ruoli“) (Fonte Gilda)

SITUAZIONE GAE E GM2012

Le due situazioni sono diverse e parallele. Le millesettecentoventi Gm hanno avuto “leggi speciali”, ma senza la loro applicazione completa un terzo non entrerà mai più a scuola. Le Gae dimenticate entreranno, prima o poi, negli istituti d’infanzia, ma il vuoto della Legge 107 e l’inserimento a forza in graduatoria dei diplomati ha fatto sì che questo ingresso sia stato lentissimo e si annunci tale per il futuro. Per le prime – le idonee del 2012 – il Miur sta lavorando in queste ore. Per le seconde – le Gae – la disponibilità di un posto è legata alla legge delega 0-6 anni, che prevede finanziamenti seri sull’infanzia e che a settembre potrebbe entrare in Consiglio dei ministri… (Fonte Repubblica.it 16/8/2016)

About Domenico Ciardulli 258 Articles
Blogger autodidatta, Educatore Professionale con Laurea Magistrale in Management del Servizio Sociale a Indirizzo Formativo Europeo; Master in Tutela Internazionale dei Diritti Umani. Profilo corrente: Ata nella Scuola Pubblica. Inserito nelle Graduatorie d'Istituto 3a fascia per l'insegnamento di "Filosofia e Scienze Umane"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*