Da Repubblica online 20 marzo 2007

ESTERI

L'ospizio si trova nel villaggio di Kamicevatskaia, sul Mar Nero
All'interno della struttura si trovavano 93 persone

Incendio in una casa per anziani
Almeno 63 morti e 27 feriti


MOSCA - Almeno 63 persone sono morte e altre 27 sono rimaste ferite, ustionate o intossicate in seguito a un incendio divampato in un ospizio per anziani nel sud della Russia. Lo hanno reso noto responsabili del ministero russo delle Situazioni di emergenza e autoritÓ locali, citati dalla agenzie.

L'incendio Ŕ scoppiato, per cause non ancora accertate, in una casa di riposo nel villaggio di Kamicevatskaia, nella regione di Kuban, sul Mar Nero. Nell'ospizio si trovavano 93 persone. I feriti sono stati trasportati in un ospedale locale.

Secondo responsabili del ministero delle Situazioni di emergenza citati dall'agenzia Ria-Novosti, le fiamme si sono sviluppate alle 1:11 ora di Mosca (23;11 di ieri in Italia), ma i pompieri sono giunti sul posto solo un'ora dopo. Questa ennesima tragedia in Russia avviene proprio all'indomani dell'esplosione in una miniera di carbone in Siberia che ha causato almeno una sessantina di morti e oltre una cinquantina di dispersi.

 

NOSTRO COMMENTO:  QUESTA E' LA RUSSIA OCCIDENTALIZZATA DAL VOLTO UMANO, DOPO LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO, ATTENTA NELLA TUTELA DEGLI "ULTIMI"...