Cantone interpellato sulle immissioni in ruolo degli Ata

L’Autorità Nazionale Anticorruzione è stata chiamata in causa per vigilare sulle immissioni in ruolo degli ATA (personale non docente della scuola) nella provincia di Roma.

Dopo l’errore del 23 agosto u.s. sugli impropri accantonamenti riservati al personale delle ex province, errore prontamente corretto dall’Ufficio Scolastico Regionale del Lazio a seguito di varie segnalazioni, l’attenzione ora si sposta sulla ripartizione percentuale dei posti ATA riservati agli aventi titolo in base alla legge 68/99 (per invalidità).

Ci risulta che soltanto l’Ufficio Scolastico dispone delle tabelle e degli strumenti di calcolo che hanno fissato nel numero di 51 unità i cosiddetti “riservisti” aventi diritto alla priorità nell’assegnazione di contratto a tempo indeterminato in base alla percentuale del 7% sull’Organico di Diritto occupato.

La dinamica della saturazione percentuale (7%) delle riserve N e M, dal 2013 ad oggi, rappresenta un dato non direttamente disponibile per le segreterie didattiche e per il pubblico.

Siamo certi quindi che ogni supervisione competente nelle procedure di assunzione di personale sia gradita agli stessi uffici pubblici in quanto aiuta la trasparenza e la tutela dei diritti di tutti i cittadini.

About Domenico Ciardulli 258 Articles
Blogger autodidatta, Educatore Professionale con Laurea Magistrale in Management del Servizio Sociale a Indirizzo Formativo Europeo; Master in Tutela Internazionale dei Diritti Umani. Profilo corrente: Ata nella Scuola Pubblica. Inserito nelle Graduatorie d'Istituto 3a fascia per l'insegnamento di "Filosofia e Scienze Umane"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*