Riapre il cinema Colorado a Pineta Sacchetti

Il Cinema Colorado di via Clemente III, (Pineta Sacchetti), dopo circa 30 anni di chiusura, da oggi rivive come polo culturale della nostra periferia.

 Pinacci-Nostri_RC6700 metri quadrati restaurati in via Clemente III con sacrifici e auto-finanziamenti. Nessun aiuto dal municipio XIV o Comune di Roma  e, senza occupazioni, ma grazie all’impegno delle associazioni «Urban Arts Projects» e «Pinacci Nostri» e  grazie alla preziosa disponibilità di Francesco Piva che rappresenta la proprietà dello spazio culturale. Una sfida avviata oltre un anno fa, quando sulle serrande dello spazio abbandonato, gli urban artist Maurizio Costanzi e Kocore disegnarono il faccione di Clint Eastwood, a ricordare che il Colorado era il cinema degli spaghetti western, dove fu ospitata la prima di «Per un pugno di dollari».

«Vogliamo restituire questo luogo al quartiere, creare qui una factory, un centro di aggregazione», spiega Lorena Ercolani, tra i promotori assieme ad un pool di 60 artisti che ha colorato Pineta Sacchetti con bellissimi murales. Importante anche il sostegno di «Macine»,pinacci6 l’osservatorio sui cinema dismessi della Capitale.

Un po di storia tratta da un blog locale:

Il 4 marzo del 1976 gli abitanti del quartiere Primavalle amanti del cinema avevano poco da scialare.
Il cinema LUXOR (ex SULTANO ex TITANUS), in piazza Clemente XI, era bruciato da qualche tempo (e, se ricordo bene, nell’incendio morì un barbone piuttosto popolare in zona: Nunzio Trillini).
Di prime visioni manco l’ombra.
Si doveva ripiegare sulle seconde visioni. Il NIAGARA, però, stupiva per la qualità dell’offerta: M.A.S.H. (1970), di Robert Altman. Il NIAGARA (via Pietro Maffi 10 – Tel. 6273247) richiedeva allo spettatore primavallino Lire 500 (cinquecento).
Ecco la trama di M.A.S.H. secondo il Dizionario dei film di Paolo Mereghetti: “Durante la guerra in Corea, tre medici, fra un intervento e l’altro, combinano scherzi a superiori e sottoposti, e organizzano una partita di football americano, vinta grazie a iniezioni di tranquillanti praticate agli avversari“. Un film comico e di guerra, antimilitarista, stralunato: un mezzo capolavoro.
Gli amanti del film d’autore ebbero a gioire sicuramente; gli altri no. Poterono ripiegare, comunque, in Via Clemente III 28, presso il cinema COLORADO. Qui si proiettava Il venditore di palloncini. Gli esercenti del COLORADO erano un tantino più esosi: lire 600 (seicento). Era stato inaugurato il 25 Maggio 1960 con “Il letto racconta (Pillow Talk)”, film del 1959 diretto da Michael Gordon e interpretato da Rock Hudson e Doris Day.

About Domenico Ciardulli 248 Articles
Blogger autodidatta, Educatore Professionale con Laurea Magistrale in Management del Servizio Sociale a Indirizzo Formativo Europeo; Master in Tutela Internazionale dei Diritti Umani. Profilo corrente: Ata nella Scuola Pubblica. Inserito nelle Graduatorie d'Istituto 3a fascia per l'insegnamento di "Filosofia e Scienze Umane"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*